Che font si usa per scrivere e stampare un libro?

Che font si usa per scrivere e stampare un libro?

Che font (o carattere) si usa nei libri?

Bella domanda!

Me la sono posto anch’io molte volte negli ultimi anni e, pur trovando mezze risposte qua e là, non sono riuscito a ritenermi soddisfatto finché non ho compiuto una delle mie lunghe crociate in merito.
Armato di pazienza, libri e scanner ho sfidato alla pugna le case editoriali, deciso a scoprire quale font utilizzassero per la stampa dei loro romanzi.

A metà dell’opera ho scoperto che molti editori inglesi si arrendono già alla prima pagina, sventolando una bandiera bianca con su scritto il carattere tipografico usato. Ovviamente gli editori italiani non sono così codardi, o forse sono solo più omertosi, e tengono la bocca chiusa dall prima all’ultima pagina.
Per vincerli mi sono affidato all’utile sito Identifont, che grazie a alcune domande mirate scova spesso il carattere usato nel libro, e in caso questo fallisse all’altrettanto utile Myfonts, su cui ho confrontato i paragrafi cartacei scannerizzati con i font digitali equivalenti.

Continua a leggere...

Condividi Commenti

Dinamismo dei miei stivali, meglio essere statici! AKA 6 anni di Gatto

Dinamismo dei miei stivali, meglio essere statici! AKA 6 anni di Gatto

Ah, Wordpress, quanti bei momenti abbiamo passato insieme.

Sentii nominare il tuo nome per la prima volta nel lontanissimo 2010, quando gli Msn Spaces furono trasferiti senza troppi complimenti a Wordpress. Ai tempi il mio space era piuttosto patetico — pieno di vaccate da liceali e abbandonato già da un paio d’anni — quindi approvai con sospetto il trasferimento, forse addirittura scrissi qualcosa per provare la nuova incarnazione, ma lo dimenticai in fretta.

Nel settembre 2011, però, la parolaccia Blog era sulla bocca di tutti, e in molti ne stavano addirittura facendo un mestiere.

— E tu a cosa ti dedichi?
— Faccio il Blogger.
— Brr…

Continua a leggere...

Condividi Commenti

Giveaway di “Non tutti i principi nascono azzurri”

Giveaway di “Non tutti i principi nascono azzurri”

Ci incamminiamo verso la scadenza del giveaway di Non tutti i principi nascono azzurri.
In palio una copia firmata scarabocchiata della seconda edizione cartacea del romanzo.
Partecipa anche tu e prova ad aggiudicartela!

Se non conosci Goodreads, non preoccuparti: è la piattaforma per amanti dei libri più affollata e ricca di contenuti, dove praticamente ogni autore interagisce coi propri lettori [sì, persino gli autori famosi e ricercati! (ma non dalla legge)]. Se non ti è nuova, corri a riscoprirla!
Se invece non la conoscevi, iscriversi è facilissimo: puoi usare il tuo account facebook o registrarti in un attimo. Ne vale la pena!

Se invece la sfortuna ti perseguita e sai che nella vita non vincerai mai nulla, ti ricordo che il libro è disponibile anche in formato ebook su tutti gli e-store e anche gratuitamente o al prezzo che preferisci su Sellfy.

Puoi fare entrambe le cose: partecipa al giveaway e scarica il libro gratis! Nessuno ti giudicherà.
Anche io ho sempre sfiga con le estrazioni. Alla pesca, da piccolo, mi toccavano sempre i peluche tarocchi e ai miei amici le micro machines e majorette fiammanti.
Però mi piaceva il fatto che i numeri fossero arrotolati dentro a un anellino di pasta, e ogni anno ci ricascavo.

Continua a leggere...

Condividi Commenti

Miglior font gratuito per pubblicare un libro [FSL#2]

Miglior font gratuito per pubblicare un libro [FSL#2]

Gli aspiranti scrittori e i libri autopubblicati sono in voga da ormai qualche tempo, e sono venuti per rimanere, se mi concedi l’anglicismo. Nell’affrontare l’odissea dell’autopubblicazione, però, aldilà della qualità del testo in sé, si commettono un sacco di errori tecnici ed estetici.

Uno dei problemi più comuni è senz’altro la scelta di un font adatto alla stampa del proprio manoscritto, indipendentemente dalla piattaforma selezionata. Infatti non tutti disponiamo dei font professionali usati dalle case editrici, come l’aggraziato Simoncini Garamond o Bembo o ancora Baskerville (se siete curiosi circa quali sono i più utilizzati dalle case editrici e volete le prove, fate un salto qui).

Che font dovrei usare, allora, per impaginare un libro? Nessun problema, avranno pensato in molti, posso ricorrere a un qualsiasi font preinstallato sul mio sistema operativo, come Times New Roman, Georgia o chi per essi. Giusto?

Sbagliato.

Continua a leggere...

Condividi Commenti

Non tutti i principi nascono azzurri, seconda edizione

Perché un nuovo post dopo mesi (anni?) di silenzio stampa?
Ebbene, come sapete il mare editoriale può essere tanto burrascoso quanto calmo, in piena bonaccia, e la nostra piccola nave-libro non ha delle vele sufficientemente robuste o appariscenti per farsi notare e/o salvare in momenti delicati.
Ok, ok, e ora a che viene la metafora?

Volevo cambiare la copertina del libro, ché quella vecchia ha fatto il suo tempo. Tutto qui.
Ora capite il perché della metafora? Così è molto più gagliardo! Una nave in balia delle onde, che issa delle vele nuove, magnifiche, per farsi condurre in salvo.
E, si sa, le correnti sono delle capricciose classiste e superficiali, salvano solo le navi-libro con delle belle vele.
Quindi si inaugura oggi (in realtà già da un mese) la nuove copertina di Non tutti i principi nascono azzurri! Una seconda edizione leggermente riveduta e corretta tanto in cartaceo quanto in digitale!

Ammirate la mia ultima fatica!

romanzo avventura fantasy umoristico

Continua a leggere...

Condividi Commenti

L’analogico incontra il digitale!

non tutti principi azzurri formato cartaceo e digitale ebook

Non tutti i principi nascono azzurri sfonda una porta aperta! Ora non solo potrete leggerlo comodamente con il vostro e-reader di fiducia, ma anche sfogliarlo placidamente seduti sulla poltrona!

È stata lunga ed è stata dura, ma finalmente l’epopea Pvbblicazione è finita. Il romanzo si trova praticamente ovunque e senza troppe difficoltà anche una nonna saprebbe scaricarlo o ordinarlo.
Certo, sarebbe bello che si potesse trovare passeggiando in libreria, tra gli scaffali, ma i miracoli ancora non li faccio.

È arrivato il momento di riposare e lasciare che i lettori annusino il libro, lo guardino in cagnesco, lo ignorino, facciano il giro dell’isolato, lo riguardino e, se il caso vuole, lo leggano.

Continua a leggere...

Condividi Commenti

Esce “Non tutti i principi nascono azzurri” in formato cartaceo!

pubblicazione cartacea non tutti i principi nascono azzurri amazon lulu

Oggi, 1 maggio 2015, festa dei lavoratori in tutto il mondo, si inaugura l’uscita in formato cartaceo del romanzo “Non tutti i principi nascono azzurri”. Sperando che la data possa portare bene.

Essere disoccupati può sembrare una vocazione (e nel caso di un aspirante scrittore ancor di più), ma nella maggior parte dei casi non è vocazione, ma speranza che questa passione possa trasformasi in professione.

Con un pizzico di fortuna e supporto, e ovviamente talento, ci proverò.

Continua a leggere...

Condividi Commenti

Giveaway del romanzo “Non tutti i principi nascono azzurri”

giveaway libro gratis romanzo

In occasione della pubblicazione cartacea del libro “Non tutti i principi nascono azzurri” che avverrà la prossima festa dei lavoratori (una sorta di inside-joke dell’autore disoccupato), ho indetto il primo GIVEAWAY del libro!

Per partecipare segui il link e accedi a Goodreads, la più grande piattaforma per amanti dei libri della rete. Puoi accedere con un account ad hoc oppure col tuo profilo di facebook. Dopodiché inserisci i tuoi dati e incrocia le dita!
Alla fine del concorso Goodreads sorteggerà automaticamente (e casualmente) i vincitori.

10 copie in palio!

Continua a leggere...

Condividi Commenti

1 anno di Blender

1 anno di Blender

Poco più di un anno fa ho mosso i primi passi con Blender, incredibile software di grafica 3D completamente gratuito (e open source, per gli interessati). Ero iscritto a un corso de virtualización del patrimonio, dove, tra le altre cose, ci insegnavano anche a usare un po’ di Blender.

Da allora, più per hobby che per altro – visto che di lavoro dal cielo non ne è caduto nessuno – ho smanettato col programma e fatto un po’ di passi avanti.

Alcuni dei lavori (tutti tranne i primi due e gli ultimi tre XD) sono progetti realizzati per il corso, una ricostruzione del pabellón Mies di Barcellona e delle Terme orientali dell’Alcudia, l’antica città romana di Ilici.

Molti artisti di blender ogni anno fanno un video (reel o demoreel) in cui mostrano le loro creazioni più recenti, ma loro sono, appunto, artisti.

Continua a leggere...

Condividi Commenti

[DEA#15] Omelette con prosciutto e formaggio

[DEA#15] Omelette con prosciutto e formaggio

È da luglio 2012 che non scrivo una ricetta per il Diario di Emancipazione Alimentare.
Apperò!

Vi siete emancipati da soli, nel frattempo, o vi cucina ancora la pastasciuttina mammina vostra?

Io di emancipato ho poco, sono due anni che vivo con le stesse 15-16 ricette ripetute ciclicamente… E se devo essere sincero quasi nessuna di queste s’è fatta largo nel D.E.A., le ritenevo troppo ovvie.

Ma dopo tanti anni senza mangiarle, mi sono ricordato di un piatto semplicissimo e anche buono che ogni tanto faceva mia madre: le omelette.

Continua a leggere...

Condividi Commenti