Ti presento Voodoo Child

Cara lettrice sconosciuta,

Da qualche settimana non faccio che parlarne, quindi devi proprio aver vissuto sotto una pietra (o semplicemente molto, molto lontano dalla pietra sopra cui ne parlavo) se non lo sai già…

Ma oggi mi sento spammatore, perciò bandirò le ciance e riassumerò per i pietri e le pietre del mondo:

Rullo di tamburi

È finalmente uscito Voodoo Child, il mio secondo romanzo!

Eccolo qui, in posa per te. L’ho portato da un fotografo osé.

Copertina

Eccolo ancora in posizioni sconce sopra alla suddetta pietra.

Copertina

Tutte le immagini che vedi sono assolutamente originali e niente affatto digitali. Negherò che si tratta di mockup davanti a qualsiasi giudice della Voz.

Voodoo Child è stata una faticaccia, lo riconosco, ma è la cosa che ho scritto di cui vado più fiero.
Come si può leggere sul suo dorso, è un romanzo per ragazzi dai 13 ai 100 anni: qualsiasi lettore abbia fame d’avventura ed evasione. Non l’ho scritto con un pubblico preciso in mente, volevo solo raccontare la storia di Emeline e Ozee, una storia che io stesso avrei letto volentieri.
Spero che il risultato possa piacerti.

Grazie a Nua Edizioni puoi trovarlo praticamente ovunque.
Sul loro sito, in libreria, su Amazon… E, ovviamente, sia in formato cartaceo sia in formato elettronico.

A volte mi chiedono dove mi faccia più piacere che venga comprato, immagino preoccupati per i miei guadagni, le statistiche di vendite e auspicati effetti farfalla, ma a essere sinceri io non me ne preoccupo più di tanto. Ovunque lo si compri, io sarò al settimo cielo.

A scanso di equivoci, però, lascerò due bottoni invitanti per tutti gli indecisi del mondo.

EMPTY EMPTY IBS AMAZON EMPTY EMPTY

Se poi, dopo averlo letto, qualcuno volesse dire cosa ne pensa da qualche parte, ne sarei ancora più felice.
Per quello sì che ho una predilezione: Goodreads.
È la piattaforma dedicata ai libri più grande e importante del mondo, e un ottimo posto dove scovare il tuo prossimo libro preferito.

DISCLAIMER: nessuna pietra è stata maltrattata durante la sessione di foto.

Condividi Commenti