[DEA#12] Insalata di riso

Cosa? Nemmeno un post in due settimane?
E adesso torni con la solita ricetta da quattro soldi?

Sì.

Ecco.

Vi presento l’Insalata di riso! Da voi votata sulla Grande pagina delle Ricette mancanti!
Ma mica quella schifezza prefatta con sottaceti e mille altre cose disgustose che inacidiscono tutto. L’insalata di riso come piace a me, ricca e pastosa, fredda e da veri uomini (o vere donne).

Perché ovunque andassi (bar, ristoranti, case altrui, ecc.) ogni volta che c’era l’insalata di riso io mi aspettavo la delizia che è il mio piatto estivo preferito, come lo fa mia mamma.
E invece ogni santissima volta era un mix di sottaceti, olio, aceto, condimenti a caso e verdure pacco.
È ora di dire BASTA!
È ora di mangiare un’insalata di riso come dio comanda!
È ora di mangiare ciò che io ho sempre chiamato “riso freddo” perché d’insalata non c’ha proprio niente.

Ecco quindi il MIO riso freddo, o insalata o come preferite. Ma è ciò che di meglio l’estate ha da offrire, gastronomicamente parlando…
Quindi mano ai coltelli!

È tempo di riso.

Insalata di riso (ricetta abbondante per 2-3 persone)

  • 3 mestoli di riso (è la mia unità di misura pro capite)
  • 4 wurstel piccoli o 2 grandi
  • 60 g di cotto a cubetti
  • 2 uova
  • 60 g di emmenthal
  • 100 g di tonno

Ok, e ora vi faccio vedere ciò che ho usato io nel dettaglio, anche perché la ricetta è talmente semplice che ho solo due foto: gli ingredienti e la ricetta pronta.

[• Ingredienti per riso freddo

Essendo veramente semplice, vi spiegherò semplicemente come fare, passo passo.

Mettete a bollire dell’acqua come per la pasta, e salatela come per la pasta. Quando bolle, buttate 3 mestoli (come nella foto) di riso. (per me 1 mestolo = 1 persona) Alcuni usano due pugni a persona, fate come volete; col mestolo è più scientifico.

Ora mettete le due uova e i wurstel in un pentolino pieno d’acqua e fate cuocere per ~10 minuti (io li metto insieme e in acqua fredda, bollirà con loro dentro).

Mentre aspettate svuotate in un’insalatiera capiente il cotto a cubetti (metà confezione da 120g) e il tonno.
Tagliate poi anche l’emmenthal a cubetti e buttatelo in compagnia del resto.

Quando uova e wurstel saranno pronti mettete il pentolino sotto acqua fredda e lasciate scorrere per un minuto, così raffredderemo il tutto.
Tagliate ora i wurstel a listarelle e aggiungeteli al resto nell’insalatiera. Con le uova potete provare questo fantastico metodo (che, inutile dirlo, non m’è MAI riuscito), o altrimenti rompere il guscio come si è sempre fatto.
Se sono già abbastanza freddi, tagliate gli ovetti come preferite e teneteli da parte.
Non nell’insalatiera. Non ancora.

Ok, nel frattempo il riso avrà cotto quei 15-16 minuti di cui ha bisogno, quindi scoliamolo. Anzi:
Prendete la pentola così com’è e mettete anche questa sotto acqua fredda. Il riso rimarrà sul fondo, non vi preoccupate. Riempitela d’acqua fredda e svuotatela un paio di volte, stando attenti a non scolare il riso. Poi toccatelo e verificate la sua temperatura, se è freddo, scolatelo e poi aggiungetelo all’insalatiera.

Ta-dan! Così, senza aspettare che si freddi, avrete il riso alla temperatura giusta!

Mischiate tutto quanto e infine aggiungete le uova a mo’ di guarnizione e condite con un filo d’olio, più o meno in questo modo:

• Riso freddo AKA Insalata di riso

Inutile dire che potete ampliare la ricetta come preferite: pomodorini, piselli, mais, sottaceti (bleah…), simmenthal…

Ma questa è in assoluto la combinazione migliore, secondo me, e i sapori si amalgamano meravigliosamente.

I tre ingredienti ESSENZIALI sono emmental, tonno e wurstel. Senza di loro, qualsiasi riso freddo farà schifo. Quindi non fatene a meno. Fidatevi di un pirla.

Be’, ecco fatto, ora sapete sopravvivere al calore e alla fama anche nel posto più caldo e umido del mondo (che suole essere Milano in questo periodo).
Alla prossima!

Ti è piaciuto l’articolo?

Perché non dai un’occhiata al mio romanzo, allora?
Scaricalo gratuitamente, senza trucchi né inganni, o paga quello che ritieni giusto. Leggilo, prestalo, amalo, odialo, ignoralo, ma spargi la voce. Più siamo meglio è!

Lasciami provare a stupirti!

Condividi Commenti